Le Fashion Blogger dell’ “Italia”

di Martina D’Ermo

14372069_1432329230115379_6833543398597819738_o

Mercoledì sera, ho avuto l’immensa fortuna di vedere il nuovo programma di Santoro “Italia” (tutte le volte mi riprometto di non vedere i suoi talk show, poi alla fine ci casco sempre).

Il caso ha voluto che si parlasse di blogger, o meglio, fashion blogger, con tanto di chiacchierata con la Selvaggia Lucarelli.

L’intervista era concentrata su tre influencer che conosco non di persona ma di fama, molto giovani, o forse poco esperte, che hanno avuto delle uscite (simbolicamente parlando) non molto gradevoli.
Una di loro (cosa già ripetuta da lei più volte su social network come Instagram e Snapchat), ha iniziato a parlare di tv spazzatura e di come lei ne fosse attratta, in particolar da modo un programma, “Uomini e donne”, di cui non ha mai saltato una puntata, tanto da preferirlo ad una lezione universitaria.
Un’altra ha iniziato a parlare del suo impegno a svegliarsi un’ora prima la mattina per scattare qualche outfit da postare su Instagram e del fatto che la domenica arriva a cambiarsi 7 volte per i vari scatti da pubblicare durante la settimana tra i vari social network.
Per concludere, la Lucarelli, che ha trovato pane per i suoi denti, insultando ciascuna delle blogger, ha blaterato che lei è nata dal web, ma non pubblicando foto, ma grazie ai suoi articoli.
Allora, prima di tutto, anch’io vedo (questo l’ho sottolineato anche nella mia rubrica “30enne 2.0“), molta tv spazzatura, ma la guardo di notte, proprio per evitare di levare ogni attimo alla mia vita sociale e lavorativa. Poi “Uomini e donne” tutto è tranne che tv.
Seconda cosa, cara mia che ti svegli presto per farti qualche foto la mattina, c’è gente che si alza all’alba per andare a lavoro e che magari neanche è quello che veramente voleva fare, però lo fa senza lamentarsi. Quindi direi che è meglio tacere, visto che ti svegli prima per fare un lavoro che ami.
Per ultimo, mia cara Selvaggia Lucarelli, sei sicura di essere famosa per i tuoi articoli? Ma quali?! Perdona la mia franchezza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *